CLOUD COMPUTING

CLOUD COMPUTING

Innovazione ed efficienza
con il cloud computing

FLESSIBILITÀ

La flessibilità rappresenta un elemento chiave di competitività per tutte le aziende che si trovano ad operare in un mercato caratterizzato da una forte variabilità della domanda, in cui il time to market costituisce un fattore critico di successo.

 

Il Cloud risponde a questa necessità offrendo l’Information Technology come un’utility, un servizio scalabile in grado di adattarsi alle reali esigenze dell’azienda.

 

Con il Cloud non è più necessario dotarsi di risorse (tecnologiche ma anche umane) “sovradimensionate” in prospettiva dei picchi di domanda, e investire in infrastruttura, applicativi e/o servizi non pienamente utilizzati: a fronte di una forma di pagamento “a consumo”, le aziende possono utilizzare esattamente ciò di cui necessitano.

cloud

FLESSIBILITÀ

La flessibilità rappresenta un elemento chiave di competitività per tutte le aziende che si trovano ad operare in un mercato caratterizzato da una forte variabilità della domanda, in cui il time to market costituisce un fattore critico di successo. Il Cloud risponde a questa necessità offrendo l’Information Technology come un’utility, un servizio scalabile in grado di adattarsi alle reali esigenze dell’azienda. Con il Cloud non è più necessario dotarsi di risorse (tecnologiche ma anche umane) “sovradimensionate” in prospettiva dei picchi di domanda, e investire in infrastruttura, applicativi e/o servizi non pienamente utilizzati: a fronte di una forma di pagamento “a consumo”, le aziende possono utilizzare esattamente ciò di cui necessitano.

cloud

SICUREZZA E PROTEZIONE DAL RISCHIO

Le economie di scala, la competenza e la specializzazione che contraddistinguono i Cloud provider garantiscono un livello superiore di sicurezza e protezione dal rischio connesso all’uso della tecnologia.

 

Gli ambienti informatici messi a disposizione sono caratterizzati da alta resilienza, basata su procedure di disaster recovery, business continuity, backup, accesso, protezione perimetrale, codice maligno ecc.

 

Ciò consente di prevenire o ridurre i possibili danni, in termini di divulgazione di dati confidenziali, distruzione o danneggiamento dei dati, indisponibilità di servizi IT, che possono verificarsi, per cause interne (guasti hardware/software) e/o esterne (intrusion, pharming, phishing attacks, attacchi denial-of-service), a seguito di scelte non efficaci, con un impatto importante sul business aziendale.

SICUREZZA E PROTEZIONE DAL RISCHIO

Le economie di scala, la competenza e la specializzazione che contraddistinguono i Cloud provider garantiscono un livello superiore di sicurezza e protezione dal rischio connesso all’uso della tecnologia. Gli ambienti informatici messi a disposizione sono caratterizzati da alta resilienza, basata su procedure di disaster recovery, business continuity, backup, accesso, protezione perimetrale, codice maligno ecc. Ciò consente di prevenire o ridurre i possibili danni, in termini di divulgazione di dati confidenziali, distruzione o danneggiamento dei dati, indisponibilità di servizi IT, che possono verificarsi, per cause interne (guasti hardware/software) e/o esterne (intrusion, pharming, phishing attacks, attacchi denial-of-service), a seguito di scelte non efficaci, con un impatto importante sul business aziendale.

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI IT

Il Cloud consente di ridurre l’impatto dei costi dell’IT poiché:
– abbatte gli investimenti iniziali, grazie ad una significativa semplificazione del dimensionamento iniziale dei sistemi e delle applicazioni IT;
– permette di cambiare la struttura dell’investimento, passando da impieghi di capitale fisso a costi operativi variabili in funzione della domanda. In termini economici, per un’azienda questo si traduce in aumento della liquidità e riduzione del capitale immobilizzato;
– riduce le spese legate alla gestione e manutenzione delle apparecchiature (aggiornamento software, licenze, immagazzinamento dati, sicurezza, energia, personale qualificato ecc.);
– elimina le perdite e gli sprechi riconducibili a investimenti in risorse non pienamente utilizzate (a seguito, per esempio, di un calo della produzione, della dismissione di alcuni processi operativi o della riduzione degli utenti) o destinate a diventare obsolete in pochi anni;
– elimina i rischi legati ad investimenti dal ritorno incerto;- offre la possibilità di sostenere in maniera graduale lo sforzo di investimento richiesto per gli adeguamenti tecnologici e l’erogazione di nuovi servizi;
– riducono le spese legate alla bolletta energetica (ricerche dimostrano come il Cloud Computing possa abbattere il consumo energetico fino al 91%).

Canone mensile, in funzione delle risorse utilizzate, e connessione al datacenter del Cloud provider sono le uniche voci di costo, chiare e definite.Il fatto di poter meglio controllare le spese associate all’IT rende inoltre possibile la riallocazione ottimale delle risorse (spesso limitate) ad essa destinate: se si considera che attualmente in media il 60-80% del budget dell’IT serve a mantenere i servizi e le infrastrutture esistenti, appare evidente come l’adozione del Cloud possa andare a beneficio, ad esempio, dell’attività di ricerca e sviluppo di nuovi progetti.

optimization

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI IT

Il Cloud consente di ridurre l’impatto dei costi dell’IT poiché:
– abbatte gli investimenti iniziali, grazie ad una significativa semplificazione del dimensionamento iniziale dei sistemi e delle applicazioni IT;
– permette di cambiare la struttura dell’investimento, passando da impieghi di capitale fisso a costi operativi variabili in funzione della domanda. In termini economici, per un’azienda questo si traduce in aumento della liquidità e riduzione del capitale immobilizzato;
– riduce le spese legate alla gestione e manutenzione delle apparecchiature (aggiornamento software, licenze, immagazzinamento dati, sicurezza, energia, personale qualificato ecc.);
– elimina le perdite e gli sprechi riconducibili a investimenti in risorse non pienamente utilizzate (a seguito, per esempio, di un calo della produzione, della dismissione di alcuni processi operativi o della riduzione degli utenti) o destinate a diventare obsolete in pochi anni;
– elimina i rischi legati ad investimenti dal ritorno incerto;- offre la possibilità di sostenere in maniera graduale lo sforzo di investimento richiesto per gli adeguamenti tecnologici e l’erogazione di nuovi servizi;
– riducono le spese legate alla bolletta energetica (ricerche dimostrano come il Cloud Computing possa abbattere il consumo energetico fino al 91%).
Canone mensile, in funzione delle risorse utilizzate, e connessione al datacenter del Cloud provider sono le uniche voci di costo, chiare e definite.Il fatto di poter meglio controllare le spese associate all’IT rende inoltre possibile la riallocazione ottimale delle risorse (spesso limitate) ad essa destinate: se si considera che attualmente in media il 60-80% del budget dell’IT serve a mantenere i servizi e le infrastrutture esistenti, appare evidente come l’adozione del Cloud possa andare a beneficio, ad esempio, dell’attività di ricerca e sviluppo di nuovi progetti.

optimization
speed-up

INNOVAZIONE E VELOCITÀ

Il Cloud, velocizzando o addirittura eliminando laboriose e costose procedure di installazione e aggiornamento di software, nonché la costruzione di complesse infrastrutture informatiche, permettono anche alle aziende di beneficiare delle tecnologie più all’avanguardia, e in modo tempestivo rispetto ai cicli di innovazione lenti tipici dell’IT di stampo tradizionale.

 

È sufficiente “iscriversi” ai vari servizi per fruirne immediatamente. In ambito SaaS, il Cloud provider è difatti in grado di offrire nuove funzionalità non appena vengono sviluppate, con un semplice aggiornamento della pagina del browser web, e di rinnovare a costi sostenibili le componenti del parco applicativo aziendale, permettendo alle imprese di accedere a servizi che, magari, sarebbero loro economicamente preclusi, poiché troppo costosi da implementare in modalità on-premise.

 

Lo stesso vale per l’IaaS: complesse infrastrutture tecnologiche, di difficile (e costosa) realizzazione, vengono messe a disposizione dell’utente con una semplice connessione Internet, così come maggiore capacità elaborativa, maggiore capacità di memoria ecc.

INNOVAZIONE E VELOCITÀ

Il Cloud, velocizzando o addirittura eliminando laboriose e costose procedure di installazione e aggiornamento di software, nonché la costruzione di complesse infrastrutture informatiche, permettono anche alle aziende di beneficiare delle tecnologie più all’avanguardia, e in modo tempestivo rispetto ai cicli di innovazione lenti tipici dell’IT di stampo tradizionale. È sufficiente “iscriversi” ai vari servizi per fruirne immediatamente. In ambito SaaS, il Cloud provider è difatti in grado di offrire nuove funzionalità non appena vengono sviluppate, con un semplice aggiornamento della pagina del browser web, e di rinnovare a costi sostenibili le componenti del parco applicativo aziendale, permettendo alle imprese di accedere a servizi che, magari, sarebbero loro economicamente preclusi, poiché troppo costosi da implementare in modalità on-premise. Lo stesso vale per l’IaaS: complesse infrastrutture tecnologiche, di difficile (e costosa) realizzazione, vengono messe a disposizione dell’utente con una semplice connessione Internet, così come maggiore capacità elaborativa, maggiore capacità di memoria ecc.

speed-up

SEMPLIFICAZIONE

Un ulteriore beneficio che la flessibilità e la focalizzazione sul “servizio” del Cloud permette di ottenere è la semplificazione, sotto il profilo non solo tecnologico (pensiamo alla possibilità di integrare fra loro e razionalizzare tutti i sistemi informativi interni di cui le aziende si sono dotate nel corso degli anni, o all’eliminazione di lunghi cicli di aggiornamento software, patch ecc., nonché delle complessità legate alla fornitura della piattaforma, l’acquisto dell’infrastruttura, l’implementazione di installazioni software estese) ma anche burocratico (per esempio il superamento delle problematiche connesse alla gestione di fornitori multipli, degli adempimenti agli obblighi normativi correlati ecc.).

 

Tutto ciò sempre in una logica di tecnologia come “servizio” e strumento competitivo.

SEMPLIFICAZIONE

Un ulteriore beneficio che la flessibilità e la focalizzazione sul “servizio” del Cloud permette di ottenere è la semplificazione, sotto il profilo non solo tecnologico (pensiamo alla possibilità di integrare fra loro e razionalizzare tutti i sistemi informativi interni di cui le aziende si sono dotate nel corso degli anni, o all’eliminazione di lunghi cicli di aggiornamento software, patch ecc., nonché delle complessità legate alla fornitura della piattaforma, l’acquisto dell’infrastruttura, l’implementazione di installazioni software estese) ma anche burocratico (per esempio il superamento delle problematiche connesse alla gestione di fornitori multipli, degli adempimenti agli obblighi normativi correlati ecc.). Tutto ciò sempre in una logica di tecnologia come “servizio” e strumento competitivo.

35%

Delle spese
IT totali

10%

Alla crescita del
fatturato aziendale

15%

Del tasso di successo
delle innovazioni di prodotti e servizi

35%

Delle spese
IT totali

10%

Alla crescita del
fatturato aziendale

15%

Del tasso di successo
delle innovazioni di prodotti e servizi

BUSINESS TRANSFORMATION VIA CLOUD

How business process and decision management on cloud can have a transformative impact on your business

.

View PDF